Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

sabato 28 aprile 2012

Dal nulla al libro/i costi di trasporto e di movimentazione

Ventiquattresima puntata della rubrica sull'editoria per Golem informazione.

Sono, quelli di trasporto e di movimentazione, costi che ci mettono in stretta correlazione con le ultime due puntate della rubrica, dedicate ai costi di magazzino e a quelli fiscali di magazzino.

I costi di movimentazione riguardano lo spostamento del bene libro all’interno dei luoghi in cui esso si trova. Parliamo solitamente di magazzini, che possono essere quello dell’editore, del distributore, del grossista ma anche dello stesso libraio. Solitamente i magazzini contengono svariate migliaia di “pezzi” e il loro spostamento, il loro inscatolamento, il loro posizionamento o riposizionamento, sia in entrata che in uscita, impegna risorse e tempo all’interno di un’azienda, con gli inevitabili costi. La crescita del catalogo di un editore può costringerlo ad avere una persona ad hoc che, magari per qualche ora a settimana, si occupi esclusivamente della gestione e della catalogazione del magazzino, se non anche della sua pulizia. Questo rappresenta un costo da mettere a bilancio, e a volte trovare le risorse può non essere semplice.

mercoledì 25 aprile 2012

Dal nulla al libro/i costi fiscali di magazzino

Ventitreesima - se ho ben tenuto il conto - puntata della rubrica sull'editoria scritta per gli amici di Golem Informazione. La pubblico in ritardo, mentre scrivo la nuova puntata per venerdì 27.


La scorsa settimana abbiamo visto rapidamente a quali problematiche, in ordine di costi e di spazio, vada incontro l’editore dovendo allestire e gestire il suo magazzino.

Esiste un altro ordine di problemi, piuttosto odiosi, riguardo la gestione del magazzino, e rientrano nell’aspetto fiscale. Nessuno mette in previsione queste problematiche, quando avvia un’attività editoriale, ma quando le scopre non può fare a meno di lamentarsi contro la sorte meschina e bara e contro un sistema fiscale nazionale che strangola senza pietà chi paga le tasse.

Un libro rappresenta un potenziale ricavo nel momento in cui la casa editrice investe dei soldi per produrlo e distribuirlo. Proprio per questa ragione lo Stato passa una prima volta a incassare l’Iva, che l’editore paga sì agevolata, ma anticipata, direttamente in tipografia. A fine anno arriva poi, come per tutti, il resto della mazzata, ma non finisce qui.

martedì 24 aprile 2012

Sarajevo

Ho avuto il piacere di poter scrivere quest'editoriale per "Riforma", il settimanale delle Chiese Evangeliche Battiste, Metodiste, Valdesi. L'editoriale qui sotto è quindi incluso nel giornale di questa settimana, che potete trovare on line all'indirizzo http://www.riforma.it/.
Spero che l'editoriale vi piacerà.

Buona lettura

Sono così tante le parole che il suo solo nome, Sarajevo, evoca e fa venire alla mente, da rendere arduo il metterle in fila e farle uscire dalla bocca, una per una.

Sarajevo è città dolce e spigolosa, aperta e ostinata, urbana e contadina, mistica e pervicacemente laica. È da sempre residenza e ispirazione per letterati, artisti, grandi poeti e immensi teatranti. È sede di commerci e viandanti che s’incontrano nei caravanserragli di ieri e d’oggi. È luogo degli opposti, in cui le diversità da oltre mezzo millennio s’incontrano, mescolano e convivono in serenità e armonia.

venerdì 20 aprile 2012

Bosnia, oggi si conclude il bel ciclo d'incontri a Cuneo, sabato sera a Torino

Dopo la bella esperienza di ieri al  Museo Casa Galimberti con l'inaugurazione della mostra fotografica  “Balcani 20 anni dopo”, questa mattina con Agostino Zanotti, Nadja Mujcic e i tagazzi dell'associazione Rajiv Gandhi di Cuneo abbiamo proseguito l'impegnativa due giorni cuneese sulla Bosnia Erzegovina.
Questa mattina abbiamo incontrato, in due riprese, presso il cinema Monviso di Cuneo, circa 300 studenti delle scuole medie inferiori e superiori e i loro insegnanti, persone veramente motivate e innamorate del loro lavoro/missione. Molto molto bello e interessante.
Ora preseguiamo la due giorni cuneese con l'incontro di oggi pomeriggio presso il Salone d'onore del Comune di Cuneo, via Roma 28, ore 17.00, col non facile tema “Balcani vent’anni dopo: costruire la pace sulle spalle delle donne”, incontro pubblico nell’ambito del programma “8 marzo e dintorni”, a cura dell’Ufficio Pari opportunità del Comune di Cuneo. Oltre ai "soliti" tre di cui sopra dovremmo avere un saluto di Jovan Divjak, di passaggio in Italia e accompagnato per quest'improvvisata a Cuneo dagli amici dell'Associazione Alexander Langer.
Infine, in chiusura di serata, l'apericena con una trentina d'invitati per parlare ancora di Bosnia.
Vi ricordo domani, sabato 21 aprile (sciopero permettendo, sigh!, ma ce la faremo!), a TORINO, presso la Luna’sTorta, via Belfiore 50, ore 20,30, la conversazione con Vesna Scepanovic e Claudio Canal, per concludere questa bella mini-esperienza piemontese.
Vi aspetto.

martedì 17 aprile 2012

"Scaffale italiano": Infinito edizioni dona libri alle scuole e università albanesi attraverso RAT onlus

Infinito edizioni, la casa editrice di cui sono cofondatore, ha partecipato con un invio di un’ottantina di libri al progetto “Scaffale italiano” promosso da RAT ONLUS – Rete degli albanesi in Toscana. La RAT è un’associazione che riunisce molte associazioni e gruppi di cittadini albanesi che vivono in Toscana e ha, tra i suoi obiettivi principali, la costruzione di una cultura del dialogo e della conoscenza reciproca. RAT opera sia in Toscana che in Albania grazie alla partnership con la ong albanese AGORA’.

Il progetto “Scaffale italiano” ha come fine la costruzione di uno scaffale in lingua italiana in tutte le biblioteche pubbliche e universitarie in Albania.

lunedì 16 aprile 2012

Bosnia Express e Saluti da Sarajevo vi aspettano a Cuneo e Torino

Nuovo mini-ciclo di presentazioni da giovedì 19 a sabato 21. Questa volta tocca al Piemonte, ed esattamente alle città di Cuneo e di Torino. Ecco gli estremi:

- giovedì 19 aprile, CUNEO, Museo Casa Galimberti, piazza Galimberti 6, 2° piano, ore 17,30, inaugurazione mostra fotografica di Livio Senigalliesi “Balcani 20 anni dopo” presso il Salone d'onore del Comune di Cuneo, con intervento di Livio Senigalliesi, Agostino Zanotti, Nadia Mujcic. A seguire aperitivo/rinfresco con prodotti del commercio equo e solidale;

- venerdì 20 aprile, CUNEO, cinema Monviso, mattino, incontro con gli studenti delle scuole superiori insieme ad Agostino Zanotti;

- venerdì 20 aprile, CUNEO, Salone d'onore del comune di Cuneo, via Roma 28, ore 17.00, “Balcani vent’anni dopo: costruire la pace sulle spalle delle donne”, incontro pubblico nell’ambito del programma “8 marzo e dintorni”, a cura dell’Ufficio Pari opportunità del Comune di Cuneo, intervengono Agostino Zanotti e Nadia Mujcic;

- sabato 21 aprile, TORINO, Luna’sTorta, via Belfiore 50, ore 20,30; conversazione con Vesna Scepanovic e Claudio Canal.

Vi aspetto.

Altre date in preparazione.

Per proporre nuove presentazioni:
direzione.editoriale@infinitoedizioni.it
info@infinitoedizioni.it
lu.ne@libero.it
facebook: Luca Leone

Dal nulla al libro/i costi di magazzino

Ventiduesima - se ho ben tenuto il conto - puntata della rubrica sull'editoria scritta per gli amici di Golem Informazione.
Raramente si pensa al fatto che una casa editrice ha costi di magazzino. Non sono i soli lettori, come è normale che sia, a non prendere in considerazione questa problematica ma anche, spesso, gli editori neofiti.

La questione del magazzino non riguarda solo quegli editori che decidano – o siano costretti – a gestire in proprio la distribuzione dei loro libri. Costoro, in effetti, si trovano a dover amministrare lo stock di libri della loro intera produzione, il che può non rappresentare un grosso peso per i primi titoli, ma col passare del tempo si fa senz’altro sentire. Anche per questa ragione comincia a farsi strada oggi, presso alcuni editori, una soluzione fai-da-te che prevede, in alternativa allo stoccaggio dei testi in un luogo ad hoc, la produzione delle quantità richieste dal mercato attraverso macchine digitali che ormai possono essere acquistate a poco costo e in ufficio occupano decisamente poco spazio. L’altro rovescio della medaglia, nel caso si adotti questa soluzione, è dato dal fatto che la qualità dei libri lascia a desiderare, soprattutto relativamente alla copertina a colori (grammatura del cartoncino e livello della stampa), e difficilmente i volumi saranno rilegati in filo refe (dunque ci sarà la sola spennellata di colla a tenere unite le pagine), poiché per la rilegatura è necessario rivolgersi a legatorie esterne, che costano. È, questa, una soluzione possibile ma non molto soddisfacente dal punto di vista qualitativo. Altra possibilità è stampare piccole quantità in digitale affidandosi a stampatori esterni che abbiano macchine professionali di ultima generazione e si affidino a legatorie di propria fiducia. In questi casi, tuttavia, il costo unitario del volume sale e la convenienza si riduce.

martedì 10 aprile 2012

Dal nulla al libro/i costi di distribuzione

Nuova puntata - ventenima? ventunesima?... boh - della rubrica sull'editoria per Golem Informazione. Ora sarà il caso di mettersi a scrivere la nuova...

La distribuzione ha dei costi (considerevoli) sia che questa venga seguita direttamente dall’editore sia nel caso invece in cui un’azienda terza svolga per lui questo non facile compito.

domenica 1 aprile 2012

Dopo il bel pomeriggio di Parma, un saluto a tutti

Due ore e mezzo circa di confronto su Sarajevo e sulla Bosnia oggi a Parma. Presenti tante persone, molti molti giovani, il che è splendido. Ancora una volta si è parlato molto poco di ieri e soprattutto dell'oggi e del domani, ammesso che il Paese ne possa avere uno.
Ora poco più di due settimane di "riposo" in ufficio, poi si riparte.
Grazie a tutti, alla fiducia, all'affetto, all'accoglienza di tutti voi.
Ecco i prossimi appuntamenti:

Dopo Oderzo, domenica 1 aprile parliamo di Bosnia a Parma

Circa cento persone, molto attente, partecipative e reattive, hanno partecipato alla serata su "Saluti da Sarajevo" a Oderzo (TV), a Palazzo Foscolo. Splendida la cornice ed eccezionale il pubblico, in linea con le belle esperienze dei giorni scorsi a Pesaro, Fano e Campi Bisenzio.
Sabato mattina bell'incontro con tre classi del quarto e quinto anno del Liceo Scarpa a Motta di Livenza (terzo liceo consecutivo in tre giorni), poi pomeriggio sui carri merci di Trenitalia (ben tre) per raggiungere Parma da Treviso.
Vi aspetto domenca 1 aprile (non è un "pesce", giuro) a Parma all'Officina SMS Samarcanda, via Bandini 6, alle 16,45. Organizza l'Azione Cattolica Gruppo Bosnia di Parma. Vi aspetto!

Ecco i prossimi appuntamenti: