Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio

Višegrad. L'odio, la morte, l'oblio
Il nuovo libro di Luca Leone, nelle librerie e negli store online. Compralo su www.infinitoedizioni.it

martedì 28 febbraio 2012

Da Modena, ricomincia il "tour"

Sabato 3 e domenica 4 marzo vi aspetto allo stand della Infinito edizioni al Foro Boario, a Modema, per la quinta edizione di BUK, il festival locale della piccola e media editoria. Ci saranno alcuni miei libri e tutte le novità della casa editrice.
Lunedì 6 marzo recuperiamo due delle tre date perse a febbraio causa neve:
- lunedì 5 marzo, BOLOGNA, Liceo Linguistico e delle Scienze Umane “Laura Bassi”, Via S. Isaia 35 (www.laurabassi.it), ore 16,30; nel corso della serata proietteremo il film breve di Ado Hasanovic, “L’angelo di Srebrenica”, e immagini di Sarajevo;
- lunedì 5 marzo, FIORANO (MO), Casa Corsini, Via Statale 83, Spezzano (frazione di Fiorano Modenese), ore 21,00; modera Mariapia Cavani; nel corso della serata proietteremo il film breve di Ado Hasanovic, “L’angelo di Srebrenica”, e immagini di Sarajevo.

lunedì 27 febbraio 2012

A proposito del progetto "Frutta nelle scuole"

Da alcune settimane la mia figlia maggiore è coinvolta in un progetto, apparentemente bello, che si chiama "Frutta nelle scuole". In sostanza, due volte alle settimana ai bambini delle scuole elementari (non so se anche a quelli di altro ordine) della provincia di Roma viene data, alla fine del pranzo, frutta che apprendo essere "controllata e certificata", prodotta da un'azienda emiliana di cui non riferisco qui il nome per non fare pubblicità.
Si tratta, in sostanza, da quel che si capisce dalla busta (di cellophane) in cui la frutta è contenuta, di un progetto per far mangiare buona frutta biologica ai nostri figli. Il tutto col patrocinio del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali e i quattrini dell'Unione europea, ovvero sempre e comunque nostri. Benissimo. Ottimo. Ben fatto.
Ora, io ho sempre pensato che la frutta biologica, ambientalmente etica, sia non solo frutta prodotta con sistemi bilogici, quindi senza aggiunta di chimica, ma anche in un ambiente biologicamente sano, in cui frutta biogica arrivi sulle nostre tavole a "chilometri zero" o quasi. Allora in questo progetto ci sono alcune cose che non mi quadrano, da cittadino un minimo rompipalle.

Rubrica sull'editoria/La giungla dei conti vendita e dei conti assoluti


Quindicesima puntata della mia rubrica sull'editoria scritta per Golem Informazione.

Sia che l’editore si distribuisca da solo sia che abbia invece un contratto con uno o più distributori, deve comunque cedere i propri volumi a chi si occuperà della vendita.

Gli strumenti usati sono, nel settore, fondamentalmente due: il conto vendita e il conto assoluto.

Il conto vendita consiste nell'affidamento a qualcuno – direttamente al libraio oppure a questi attraverso il distributore – di libri (o altri prodotti editoriali, come ad esempio calendari, agende, segnalibri, magliette poster…, per quanto solo i libri godano dell’Iva al 4 per cento, mentre gli altri prodotti sono gravati da Iva al 21 per cento, e da giugno 2012 al 23 per cento) per metterli in vendita. Questo sistema prevede che il venditore accetti di mettere il proprio spazio (scaffale di libreria, di supermercato o d’edicola) a disposizione per i libri che decide di assumere in conto vendita, potendo contare su una percentuale in caso di vendita e non dovendosi in nessun modo assumere il rischio dell’invenduto. Il conto vendita infatti non costringe il libraio ad acquistare i libri e quindi a pagarli ma prevede solo che questi li custodisca e li metta in vendita per conto dell’editore e/o del distributore, dovendo pagare l’acquisto del libro a questi ultimi solo se in effetti un cliente ha comprato il volume in questione.

sabato 18 febbraio 2012

Dopo il gelo, riprendono le (tante) presentazioni in giro per l'Italia

Cari Amici,
ecco la lista (ancora in alcuni casi da aggiornare) delle prossime presentazioni di SALUTI DA SARAJEVO, BOSNIA EXPRESS e SREBRENICA. I GIORNI DELLA VERGOGNA.
Ho cominciato a scrivere il nuovo libro, per il quale raccolgo materiale bosniaco dal 2003. Lo sento urgente, vitale, necessario. Magari anche l'ultimo, chi lo sa. Ho ancora un dubbio sul titolo, tra un termine in serbo-croato e uno in inglese - mentre la copertina è pronta. Il materiale è tantisismo, ma voglio che sia un lavoro agile, veloce, scattante, come i protagonisti di questo reportage sul campo, e soprattutto di stringente denuncia. Perché in Bosnia va sempre peggio e non lo si può tacere. Forse saremo in libreria a ottobtre, spero non oltre novembre. Vi terrò aggiornati, mentre altri progetti nel frattempo spingono per trovare forma.
Ecco, intanto, la lista delle nuove presentazioni, che in parte - con l'eccezione di Torino - vanno a recuperare anche quelle rinviare per la neve e il gelo di inizio febbraio:

Il libro sullo scaffale e le ambite “pile”

Quattordicesima puntata della mia rubrica sull'editoria scritta per Golem Informazione.


Una volta prenotato dal libraio, ogni titolo viene consegnato dal distributore nelle quantità convenute nel periodo previsto di uscita, salvo casi eccezionali.

Il libraio apre fisicamente lo scatolone, firma i moduli per il conto vendita o per il conto deposito, “carica” elettronicamente il codice a barre con l’Isbn e mette in vendita il libro sugli scaffali.

Detto così, pare tutto molto facile. Ma il libro – un titolo a caso, diciamo un ipotetico “Il gufo che si fidanzò col topolino che aveva cacciato in una notte di luna piena poco prima che piovesse” – dove sarà sistemato? Su quale scaffale? In alto, a media altezza, in basso? Di fronte o di dorso? In vetrina o sotto una scala? Vicino alla cassa (posizione tra le più ambite) o nell’angolo più buio del negozio? Per ordine alfabetico di autore o di editore? Per titolo oppure a caso? In vetrina o accanto alla porta del bagno (che, poi, forse non è per niente il posto peggiore…)?

mercoledì 15 febbraio 2012

Cari amici,
come promesso quando dovetti dare la triste notizia della sua scomparsa, la casa editrice Infinito edizioni, insieme a un gruppo nutrito, motivato e selezionatissimo di patrocinatori, ha dedicato a Barbara Fabiani un Premio, di cui pubblicherò a seguire il regolamento.
Per la nascita di questo Premio e per la ricerca degli importanti patrocinatori è stata essenziale e insostituibile la collaborazione di Carmine Russo, Laura Clarke e Maria Cecilia Castagna.
Il regolamento del Premio Barbara Fabiani per la storia sociale è disponibile e scaricabile anche da sito della casa editrice Infinito edizioni e dal blog del Premio Barbara Fabiani.
I premi a disposizione sono molto importanti e non è richiesto alcun contributo per partecipare, cosa questa piuttosto rara nel panorama nazionale dei Premi.
Ieri c'è stata la ricorrenza del secondo mese dalla scomparsa di Barbara. Siamo tutti sicuri che apprezzerà questo Premio come regalo da parte di tutti noi.

Qui a seguire il bando ufficiale del Premio Barbara Fabiani per la storia sociale

sabato 11 febbraio 2012

Bosnia, il Parlamento dà via libera al nuovo governo

Il parlamento bosniaco ha dato ieri luce verde al nuovo governo centrale, nominato lo scorso 12 gennaio e guidato dal croato-bosniaco Vjekoslav Bevanda. Il nuovo esecutivo ha avuto 26 voti a favore, 7 contrari e un astenuto. Al Paese mancava un governo centrale dalle elezioni politiche e presidenziali del 3 ottobre 2010.


Bevanda è un economista croato-bosniaco di 55 anni, uomo del partito nazionalista croato di Bosnia Hdz. Con lui lavoreranno (o almeno è auspicabile che lo facciano) nove ministri e dieci sottosegretari.

“Finestre” e schede per le librerie

Tredicesima puntata della rubrica sull'editoria scritta per Golem Informazione.


Far arrivare un libro in libreria è un’operazione non complessa ma neppure scontata.

L’editore che – per scelta o necessità – debba o voglia distribuirsi da solo deve necessariamente attivare contatti diretti con un numero sufficiente di rivendite, che gli permetta sia visibilità sia incassi sufficienti per sopravvivere.

L’editore che si avvalga di un distributore può contare sul lavoro di promozione di quest’ultimo, i cui agenti devono, o dovrebbero, recarsi presso ogni singola libreria – o presso le librerie di catena – per promuovere i nuovi volumi degli editori da loro rappresentati.

La promozione in libreria si avvale mediamente di otto cosiddette “finestre” l’anno, che sono normalmente fissate nei mesi di gennaio, febbraio, marzo-aprile, maggio, giugno, settembre, ottobre, novembre.

giovedì 9 febbraio 2012

La Bosnia e i Balcani nella morsa del gelo

Eldina Pleho mi scrive da Sarajevo che la situazione è veramente difficile: un metro circa di neve, temperature che nelle ore più feredde scendono fino a 23 gradi sotto lo zero. A sarajevo le scuole sono chiuse, il tram è tornato in funzione ma i mezzi pubblici possono girare solo nelle zone pianeggianti e non in quelle collinari, che spesso in città coincidono con le più povere. Speriamo che questa situazione tragica passi presto, anche perché in tanti fanno i conti con poco cibo e scarso riscaldamento, mentre è serio il pericolo che il potenzsiale taglio delle forniture di gas russo colpisca tra i primi proprio i Balcani (e dei "cattivi pagatori" di bollette come i bosniaci).

domenica 5 febbraio 2012

Rinviata la presentazione di Torino di lunedì 6 febbraio causa maltempo

Carisismi,
purtroppo causa maltempo siamo costretti a rinviare la presentazione di Torino di domani, 6 febbraio 2012. I soldi dei biglietti del treno no, quelli non si recuperano perché così hanno deciso quelli di Trenitalia.
Speriamo di riuscire a recuperare la presentazione quanto prima e che nel frattempo qualcuno caccia via i vertici di Trenitalia, mettendoci persone diverse, possibilmente non peggiori.
Buona domenica!

sabato 4 febbraio 2012

La distribuzione/quinta parte: non sono soddisfatto e me ne vado!…

Nuova puntata della mia rubrica sull'editoria scritta per Golem Informazione.
La scorsa settimana accennavamo al fatto che l’insoddisfazione dell’editore per una distribuzione ritenuta non soddisfacente può determinare un irrigidimento dei rapporti tra le parti tale da spingere o il distributore a non rinnovare il contratto oppure l’editore a cercare miglior sorte altrove.

Il rapporto di distribuzione è regolato da un contratto tra due parti, distributore ed editore, che regola per filo e per segno la relazione, prevedendo una clausola per la quale il contratto, di solito di durata annuale, si considera automaticamente rinnovato se nessuna delle due parti lo “denuncia” entro il termine del primo semestre di vigenza. Quando è ormai passato qualche anno, spesso non ci si pensa più e si dà per scontato il rinnovo. Ma in realtà la spada di Damocle è sempre lì, e può oggettivamente pendere sulle nostre teste per decenni.

venerdì 3 febbraio 2012

Bosnia, trovato accordo (per ora) sul censimento


La Camera dei popoli, il secondo ramo del Parlamento bosniaco, ha approvato il 2 febbraio il disegno di legge sul censimento della popolazione in Bosnia Erzegovina. Da circa due anni – allorché, nel giugno 2010, la Camera dei rappresentanti, il primo ramo del Parlamento, aveva approvato il disegno di legge – la norma era ferma in Parlamento in attesa del via libera. Da oltre vent’anni – da prima della guerra – a causa dei veti opposti dalle diverse componenti nazionali, in Bosnia non viene svolto un censimento della popolazione.

La legge approvata ieri prevede che il censimento sarà effettuato dal 1° aprile al 15 aprile 2013, sempre che nel frattempo non accada qualcosa…

giovedì 2 febbraio 2012

Presentazioni a Bologna e Fiorano rinviate per neve

Cari,
la mega bufera di neve precipitata, e ancora in corso, sull'Emilia Romagna ha portato al rinvio delle presentazioni sia di Bologna (oggi, 2 febbraio) che di Fiorano (domani, 3 febbraio). Rinviato anche il Festival del libro di Modena, Bub (previsto il 4 e 5 febbraio). In dubbio la presentazione di Torino di lunedì 6 febbraio, ma ancora qualche speranza c'è (soprattutto se non nevicherà a Roma, come invece pare accadrà).
Speriamo di riuscire a recuperare le due date.
Nel frattempo, sta prendendo forma il calendario dei prossimi mesi, che qui riporto, seppure ancora abbastanza approssimato:

Marzo 2012:

- sabato 24 marzo, ROMA, in definizione;